La generazione che se ne frega

21 dicembre 2010


Siamo la generazione che se ne frega.

Se ne frega di andare a fondo, preferisce la superficie.
Se ne frega perchè ha sempre di meglio da fare.
Se ne frega perchè occhio non vede, cuore non duole.

Mangia solo ali di pollo, e se ne frega se nessuno mangia il resto.
Compra acqua in bottiglia e se ne frega se quella del rubinetto è gratis.
Beve ad ogni sete in un bicchiere di plastica nuovo, e se ne frega se ai figli lascia un mondo con montagne di rifiuti e mari avvelenati.
Compra vestiti alla moda, e se ne frega se li hanno cuciti manine cinesi tenute in schiavitù.
Compra fragole a dicembre, e arance a luglio, e se ne frega se han macinato migliaia di chilometri prima di poter essere mangiate.
Si indigna per la tessera del tifoso, ma se ne frega di chi si sta portando via anche l’aria che respiriamo.
Si appassiona per un’uscita ingiusta dalla casa del Grande Fratello, ma se ne frega di un’espulsione violenta di un richiedente asilo in territorio italiano.
Si infervora per un cane maltrattato, ma se ne frega di esseri umani disumanizzati.

Si indigna, si indigna, ma se ne frega della dignità altrui.

Annunci

L’altra via

22 febbraio 2010

Cristiano ed io abbiamo appena letto tutto d’un fiato L’altra via scritto da Francesco Gesualdi, del Centro Nuovo Modello di Sviluppo, che ha pubblicato anche la “Guida al consumo critico” e la “Guida al vestire critico”.

Un libro tosto, denso, ricco. Ci ha fatto piangere, ci ha fatto sentire piccoli piccoli, e poi subito dopo ci ha fatto capire la forza incredibile delle nostre azioni e delle nostre scelte.
E ci ha fatto sentire grandi, togliendoci di dosso quel senso di frustrazione che spesso ci prende quando pensiamo a cosa potremmo fare per influenzare in qualche modo le scelte politiche del nostro paese, del nostro mondo.. Ci sono tantissime cose che possiamo fare, basta pensarci, basta volerlo. Per prima cosa, quindi, informarci. Ed informare gli altri, perchè nessuno possa più dire “Non lo sapevo”. E poi attivarci: dal riciclo, l’autoproduzione, il recupero delle capacità manuali di cui i nostri nonni erano maestri, alla solidarietà collettiva, al vivere comune.

Il libro ci suggerisce un’altra via per uscire dalla fossa in cui siamo finiti. Una via della sobrietà, una nuova idea di economia, di politica, di comunità.

Tratto da un altro contesto (“Parole Sante” di Ascanio Celestini sul precariato), ma molto attinente a questo tema, è lo slogan dei lavoratori precari che si sono organizzati per lottare contro le ingiustizie: Sapere –> Saper fare –> Far Sapere –> Fare!
Da oggi proverò a farlo un pò mio!

L’altra via costa 3 Euro, ma in alternativa è scaricabile gratuitamente qui:


Aggiornamento su raccolta differenziata

11 novembre 2009

Da novembre a Genova i rifiuti in alluminio e altri metalli vanno gettati nei contenitori gialli insieme alla plastica.
Plastica e metallo: una strana accoppiata che farà crescere la raccolta differenziata!

amiu

Quindi: TUTTI i rifiuti che fino ad oggi dovevano essere buttati nella campana AZZURRA, da novembre 2009 potranno essere buttati insieme alla plastica nella campana GIALLA:

– Lattine per bevande e per olio
– Fogli di alluminio da cucina, involucri per cioccolato e coperchi degli yogurt in carta stagnata
– Scatolette in banda stagnata per alimenti (es. pelati, carne, tonno, legumi, cibo per animali)
– Vaschette e contenitori in alluminio per la conservazione e il congelamento dei cibi
– Bombolette spray per deodoranti, lacche per capelli o panna
– Barattoli e scatole in acciaio per dolci, cioccolatini, liquori
– Tubetti per conserve, creme e cosmetici
– Capsule, chiusure e tappi in metallo per bottiglie (es.olio, vino, liquori, bibite)

Qui il resto della suddivisione dei rifiuti nel comune di Genova.


Saponi alla spina

22 settembre 2009

logo farmacia

Sono in vendita presso la Farmacia al Diamante di Begato dei nuovi SAPONI NATURALI ALLA SPINA: si tratta dei prodotti artigianali della Fattoria Belcanto

– Bagno Schiuma al miele 500 ml € 7,90

– Sapone mani 500 ml € 4,90

– Marsiglia 500 ml € 4,50

– Sapone intimo alla salvia 200 ml € 3,50

Al primo acquisto bisogna aggiungere 50 centesimi per il contenitore, che poi ovviamente.. si ricicla!

Secondo la filosofia di produzione della Fattoria Belcanto, questi prodotti sono fatti con sapone artigianale purissimo, ottenuto togliendo molte cose che ormai sembravano indispensabili per produrre il sapone: tra queste, in primo luogo, i tensioattivi di sintesi. E poi molto altro. Adesso, è stato tolto qualcosa che non solo è superfluo, ma anche dannoso: lo spreco di flaconi. Non c’è ragione infatti perché un flacone debba essere gettato una volta che il suo contenuto è terminato. Basta attrezzarsi, basta un po’ di buona volontà e risparmiare denaro e risorse ambientali diventa un gioco addirittura piacevole. Ma per fare tutto questo, bisogna iniziare a cambiare. Facciamolo insieme.

E già che ci siamo aggiungiamo che…la Farmacia al Diamante è tra l’altro specializzata in PRODOTTI SENZA GLUTINE con un vastissimo assortimento di prodotti! Per favorire i celiaci, è possibile prenotare i prodotti via mail o per telefono e passarli a ritirare già pronti lasciando la macchina nel parcheggio di fronte alla farmacia.

Farmacia al Diamante via Sbarbaro 19 – 16159 Genova
tel. 010-7411125 fcia.diamante@gmail.com


Ancora detersivi alla spina

10 settembre 2009

Prossima apertura di un nuovo punto vendita a Genova di detersivi alla spina e prodotti a basso impatto ambientale.
“La formica” in via Trebisonda 21 r, alla Foce.
Brindisi inaugurale Giovedì 17 settembre dalle 17,30 in poi.

Per informazioni: filippo.repetto@gmail.com


Detersivi alla spina alla Coop

16 luglio 2009

Finalmente anche in Liguria si possono trovare detersivi alla spina presso l’Ipercoop del centro commerciale L’Aquilone di Bolzaneto e la Coop del Terminal Traghetti.
Si trovano quattro tipi di detersivo: per piatti, per lana e delicati, per lavatrice, ammorbidente.
Il flacone può essere riutilizzato decine di volte, e ciò contribuisce a ridurre la quantità di plastica che ogni giorno va a finire nelle nostre discariche.
Costa poca fatica, perchè no?

det sfusi det sfusi4


Detersivi alla spina

6 febbraio 2009

Finalmente c’è chi si è accorto che c’è un modo tutto sommato semplice e comodo per ridurre la montagna di plastica che produciamo ogni giorno nelle nostre città, buttando via i flaconi di prodotti vari per l’igiene personale e della casa. E ci ha pensato seriamente.
A Genova, come avevo già scritto, esiste già un punto vendita di bio-detersivi alla spina della catena Ipersoap.
Da quest’estate, però, li troveremo anche in alcuni supermercati Coop: nel protocollo d’intesa sottoscritto ieri da Provincia di Genova e Coop Liguria per ridurre la produzione di rifiuti si parla anche di detersivi alla spina.
Verrà distribuito gratuitamente ai clienti un flacone da due litri che potrà essere riempito presso un distributore all’interno del punto vendita Coop, e riutilizzato più volte. Questo permetterà un notevole risparmio sul prezzo d’acquisto, ed eviterà l’accumulo di tonnellate di plastica nelle nostre discariche.
Come avevo già scritto in passato, in generale Coop è molto attenta alle tematiche ambientali, e da diversi anni si è impegnata ad eliminare imballaggi e semplificare le confezioni di alcuni prodotti, (esistevano già, appunto, le ricariche per bagnoschiuma in plastica molto più leggera) sempre nell’ottica di ridurre la quantità di rifiuti.
Coop Liguria prevede per il futuro anche altre azioni al fine di favorire la prevenzione della produzione dei rifiuti, come l’introduzione di prodotti a minor impatto ambientale e con marchi ecologici, l’utilizzo di prodotti e imballaggi realizzati con materiali riciclati, la vendita di prodotti concentrati e ricariche, l’eliminazione di sovraimballi…
L’iniziativa dei detersivi alla spina, finanziata parzialmente con fondi di Regione e Provincia, è aperta anche ad altre catene, ma per ora solo Coop ha dato la sua disponibilità.
Naturalmente verrà valutata la risposta degli acquirenti per giudicare il successo dell’iniziativa.
Non dimentichiamoci che gli acquirenti siamo noi!!