Referendum Acqua – Parte la Campagna di Obbedienza Civile

3 febbraio 2012

Lo sapevi che la bolletta dell’acqua è illegale?

Anche se la legge non lo prevede, il gestore del servizio idrico sta caricando sulla bolletta un profitto che è illegale! Si chiama “remunerazione del capitale investito” e, anche se è stato cancellato con il referendum dello scorso giugno, in provincia di Genova incide ancora per più del 22% delle bollette!! La buona notizia è che si può smettere di pagare questa quota, l’ottima notizia è che si può chiedere il rimborso per i mesi precedenti.

La procedura è abbastanza semplice, rivolgiti al Comitato genovese Acqua Bene Comune:
http://www.acquapubblicagenova.org/campagna-di-obbedienza-civile/

Pagando la giusta bolletta rispettiamo ed applichiamo il voto della maggioranza degli italiani, impediamo agli speculatori di lucrare sul diritto all’acqua e facciamo un passo in avanti verso la ripubblicizzazione del servizio idrico.

Inoltra questo messaggio ai tuoi contatti: si scrive acqua, si legge democrazia!

Per informazioni, e per aderire alle nostre iniziative:

Comitato genovese Acqua Bene Comune
Salita san Leonardo 25 r – tel. 389 9198656
http://www.acquapubblicagenova.org/
Facebook: Comitato Acqua Pubblica Genova
gruppoacquagenova@gmail.com

Annunci

Bilanci di giustizia

4 febbraio 2010


“Il nostro modo di consumare non è compatibile con il futuro del pianeta e, soprattutto, con la necessità di garantire un livello di vita dignitoso a gran parte della sua popolazione”.
Così inizia la presentazione della campagna Bilanci di Giustizia, a cui Cristiano ed io abbiamo deciso di provare ad aderire.

L’intento è “modificare la struttura dei propri consumi e l’utilizzo dei propri risparmi, cioè l’economia quotidiana seguendo criteri di giustizia, eticità e sostenibilità”.
L’esperienza è nata da persone che cercano, insieme, di liberarsi dalla “dorata schiavitù del consumismo” per diventare capaci di godere dei beni che soddisfano bisogni reali, di vivere meglio con meno. Persone che cercano di diventare consumatori con il portafoglio dalla parte del manico, per trasformare il consumo in un atto consapevole ed in uno strumento di riappropriazione del potere di scelta.

L’obiettivo principale della campagna è sperimentare le possibilità di spostamento da consumi dannosi per la salute, per l’ambiente e per le popolazioni del Sud del mondo, a prodotti più sani, che non incidono in modo irreparabile sulle risorse naturali e che riducono i meccanismi di sfruttamento nelle regioni sottosviluppate.
Non si tratta quindi di affrontare sacrifici e rinunzie in nome di un’etica e di una giustizia concepite in termini astratti, ma di rifiutare in base a scelte coscienti e responsabili i consumi che non rispondono ai bisogni umani reali o che danneggiano in modo irrecuperabile i meccanismi ecologici e le popolazioni da troppo tempo confinate in una povertà incolpevole.

Lo strumento attraverso il quale ci si ripropone di mettere in atto questi principi è il bilancio mensile, nel quale ogni famiglia deve indicare i suoi consumi “normali” e i suoi obiettivi di sostituzione di un prodotto considerato dannoso con un altro meno dannoso o valutato in termini positivi. Prodotti del commercio equo e solidale, detersivi biologici, acquisto di elettrodomestici a basso consumo energetico sono solo alcuni degli esempi di “spostamenti” possibili, che non necessariamente limiteranno i consumi. Altri tipi di spostamento, invece, possono effettivamente ridurre le spese: uso della bicicletta al posto dell’auto, limitazione del consumo di frutta e verdura fuori stagione, autoproduzione, baratto.. C’è spazio per la fantasia!
Le famiglie si tengono in contatto tra loro anche attraverso la segreteria nazionale, a cui ognuno può inviare mensilmente il proprio bilancio.

Sarebbe bello formare un gruppetto locale a Genova.
Chi vuol provare?


Aggiornamento su raccolta differenziata

11 novembre 2009

Da novembre a Genova i rifiuti in alluminio e altri metalli vanno gettati nei contenitori gialli insieme alla plastica.
Plastica e metallo: una strana accoppiata che farà crescere la raccolta differenziata!

amiu

Quindi: TUTTI i rifiuti che fino ad oggi dovevano essere buttati nella campana AZZURRA, da novembre 2009 potranno essere buttati insieme alla plastica nella campana GIALLA:

– Lattine per bevande e per olio
– Fogli di alluminio da cucina, involucri per cioccolato e coperchi degli yogurt in carta stagnata
– Scatolette in banda stagnata per alimenti (es. pelati, carne, tonno, legumi, cibo per animali)
– Vaschette e contenitori in alluminio per la conservazione e il congelamento dei cibi
– Bombolette spray per deodoranti, lacche per capelli o panna
– Barattoli e scatole in acciaio per dolci, cioccolatini, liquori
– Tubetti per conserve, creme e cosmetici
– Capsule, chiusure e tappi in metallo per bottiglie (es.olio, vino, liquori, bibite)

Qui il resto della suddivisione dei rifiuti nel comune di Genova.


Saponi alla spina

22 settembre 2009

logo farmacia

Sono in vendita presso la Farmacia al Diamante di Begato dei nuovi SAPONI NATURALI ALLA SPINA: si tratta dei prodotti artigianali della Fattoria Belcanto

– Bagno Schiuma al miele 500 ml € 7,90

– Sapone mani 500 ml € 4,90

– Marsiglia 500 ml € 4,50

– Sapone intimo alla salvia 200 ml € 3,50

Al primo acquisto bisogna aggiungere 50 centesimi per il contenitore, che poi ovviamente.. si ricicla!

Secondo la filosofia di produzione della Fattoria Belcanto, questi prodotti sono fatti con sapone artigianale purissimo, ottenuto togliendo molte cose che ormai sembravano indispensabili per produrre il sapone: tra queste, in primo luogo, i tensioattivi di sintesi. E poi molto altro. Adesso, è stato tolto qualcosa che non solo è superfluo, ma anche dannoso: lo spreco di flaconi. Non c’è ragione infatti perché un flacone debba essere gettato una volta che il suo contenuto è terminato. Basta attrezzarsi, basta un po’ di buona volontà e risparmiare denaro e risorse ambientali diventa un gioco addirittura piacevole. Ma per fare tutto questo, bisogna iniziare a cambiare. Facciamolo insieme.

E già che ci siamo aggiungiamo che…la Farmacia al Diamante è tra l’altro specializzata in PRODOTTI SENZA GLUTINE con un vastissimo assortimento di prodotti! Per favorire i celiaci, è possibile prenotare i prodotti via mail o per telefono e passarli a ritirare già pronti lasciando la macchina nel parcheggio di fronte alla farmacia.

Farmacia al Diamante via Sbarbaro 19 – 16159 Genova
tel. 010-7411125 fcia.diamante@gmail.com


Il giardino del borgo

4 maggio 2009

Gita con Cri sul monte di Portofino, il 1° maggio!
C’ero già stata un sacco di volte, ma ogni volta mi piace sempre un sacco camminare su e giù per i sentieri tra rocce e alberi a picco sul mare...
Siamo partiti da San Rocco, e abbiamo percorso il sentiero più verso la costa, che passa per Batterie (località così chiamata per la presenza delle batterie antiaeree (bunker). Il sentiero è un po’ esposto, ma la presenza di catene a cui aggrapparsi lo rende molto più agevole. Arrivati a San Fruttuoso, la vista dell’abbazia ripaga della fatica fatta per arrivare fin lì..

San Fruttuoso

Noi però, dopo una breve sosta sulla spiaggia, siamo subito ripartiti per il sentiero che sale verso Pietre Strette, e passa davanti all’Agririfugio Il giardino del borgo, gestito dalla Cooperativa omonima, di cui fanno parte alcuni amici.
La cooperativa produce olio, liquori, miele, aceto, olive, e gestisce l’Agririfugio, che fa accoglienza e ristoro agli escursionisti ispirandosi alla tradizione culinaria ligure: se non siete convinti che valga la pena di fare una sosta qui, vedete un po’ se questo non è un angolino di paradiso..

DSC 0371

Noi abbiamo poi proseguito ancora verso San Rocco passando per Pietre Strette e Semaforo Vecchio, ma le possibilità sono diverse.. a fine gita, non ancora stanchi, ci siam fatti ancora due passi scendendo a San Nicolò..
La sera eravamo distrutti, ma ne è valsa veramente la pena!!


Casa Domani

6 aprile 2009

Casa Domani, la Casa famiglia per disabili fisici che era da vent’anni in Piazza Manin, a Genova, ha finalmente una nuova CASA!
Il nuovo indirizzo è Via Gropallo 6/1, e i numeri di telefono 010 8592639 e 010 8592577.
A differenza della precedente, questa casa non è in affitto: grazie allo sforzo delle decine di volontari, del presidente, dei residenti, si è riusciti a realizzare un sogno: comprare una casa!

La ricerca di nuovi volontari è comunque sempre attiva!
Se qualcuno avesse voglia e tempo, in qualsiasi orario del giorno e della notte, c’è sempre bisogno di persone disposte a trascorrere qualche ora in compagnia degli ospiti della casa, aiutandoli nelle mansioni giornaliere, preparando i pasti e tenendo in ordine l’abitazione.
Eventualmente chiamare direttamente in Casa Famiglia o scrivere a me
qui: scrivi
Visitate il blog di casa famiglia: casadomani.wordpress.com


Detersivi alla spina

6 febbraio 2009

Finalmente c’è chi si è accorto che c’è un modo tutto sommato semplice e comodo per ridurre la montagna di plastica che produciamo ogni giorno nelle nostre città, buttando via i flaconi di prodotti vari per l’igiene personale e della casa. E ci ha pensato seriamente.
A Genova, come avevo già scritto, esiste già un punto vendita di bio-detersivi alla spina della catena Ipersoap.
Da quest’estate, però, li troveremo anche in alcuni supermercati Coop: nel protocollo d’intesa sottoscritto ieri da Provincia di Genova e Coop Liguria per ridurre la produzione di rifiuti si parla anche di detersivi alla spina.
Verrà distribuito gratuitamente ai clienti un flacone da due litri che potrà essere riempito presso un distributore all’interno del punto vendita Coop, e riutilizzato più volte. Questo permetterà un notevole risparmio sul prezzo d’acquisto, ed eviterà l’accumulo di tonnellate di plastica nelle nostre discariche.
Come avevo già scritto in passato, in generale Coop è molto attenta alle tematiche ambientali, e da diversi anni si è impegnata ad eliminare imballaggi e semplificare le confezioni di alcuni prodotti, (esistevano già, appunto, le ricariche per bagnoschiuma in plastica molto più leggera) sempre nell’ottica di ridurre la quantità di rifiuti.
Coop Liguria prevede per il futuro anche altre azioni al fine di favorire la prevenzione della produzione dei rifiuti, come l’introduzione di prodotti a minor impatto ambientale e con marchi ecologici, l’utilizzo di prodotti e imballaggi realizzati con materiali riciclati, la vendita di prodotti concentrati e ricariche, l’eliminazione di sovraimballi…
L’iniziativa dei detersivi alla spina, finanziata parzialmente con fondi di Regione e Provincia, è aperta anche ad altre catene, ma per ora solo Coop ha dato la sua disponibilità.
Naturalmente verrà valutata la risposta degli acquirenti per giudicare il successo dell’iniziativa.
Non dimentichiamoci che gli acquirenti siamo noi!!