L’acqua deve essere pubblica perchè…

25 febbraio 2011

L’acqua deve essere pubblica perchè è il bene comune più prezioso al mondo!
L’acqua deve essere pubblica perchè non ha colore!
L’acqua deve essere pubblica perchè senza Lei si muore!
L’acqua deve essere pubblica perchè è un diritto di tutti, altrimenti è un privilegio!
L’acqua deve essere pubblica perchè non è una merce!
L’acqua deve essere pubblica perchè le nuvole, le piogge, i ghiacciai non hanno mai avuto padroni!
L’acqua deve essere pubblica perchè tutti abbiamo il diritto all’acqua, e tutti abbiamo il dovere di proteggerla!
L’acqua deve essere pubblica perchè non è sostituibile!
L’acqua deve essere pubblica perchè altrimenti tutte le prossime guerre si combatteranno per l’acqua!
L’acqua deve essere pubblica perchè l’acqua è il sangue della terra!
L’acqua deve essere pubblica perchè l’acqua è vita, e la vita non ha prezzo!
L’acqua deve essere pubblica perchè si scrive Acqua, e si legge Democrazia!


Mai più Coca Cola

11 gennaio 2011

Guardatevi questo documentario: The Coca Cola Case, e poi raccontatemi se avete ancora voglia di soddisfare la vostra sete con una bella Coca..

Se non avete tempo, o non capite l’inglese, leggete la pagina sulla Coca Cola del sito Imprese alla Sbarra, o questo articolo di Altreconomia, o questa pagina di Wikipedia sui comportamenti antisindacalisti, violazione dei diritti umani, ingerenze nel sistema politico della Coca Cola Company in Sudamerica e in altri stati!!

O leggete della Campagna “Stop Killer Coke”: i vertici del Sindacato colombiano dell’industria alimentare (SINALTRAINAL) denunciano che si nell’ultimo decennio é verificata un’impressionante sequela di omicidi selettivi, sequestri e sparizioni di sindacalisti e operai, eseguiti dagli squadroni della morte di estrema destra, crimini rimasti del tutto impuniti grazie alle coperture e alla collaborazione di ampi settori delle forze di sicurezza statali. Il rischio per l’incolumità degli attuali dirigenti è documentato anche da rapporti di Amnesty International.

L’azienda che imbottiglia la bevanda è stata denunciata negli Stati Uniti dalla United Steelworkers of America e dall’International Labor Rights Fund per conto del SINALTRAINAL per aver diretto i corpi paramilitari che si sono resi autori di tali violenze allo scopo di reprimere la sindacalizzazione nei propri stabilimenti.

E io devo dare i miei soldi al responsabile di queste ingiustizie?

E’ coi nostri soldi che possono permettersi di fare tutto questo!!!

Ma come faccio senza la mia Coca?!? Io in realtà non ne bevo da tempo.. Ma per chi proprio non ne può fare a meno, c’è un’alternativa! Ubuntu Cola è una una bibita analcolica gassata, caratterizzata dalla certificazione Fairtrade Foundation e prodotta esclusivamente con zucchero del commercio equo e solidale. Questo il sito ufficiale. Dove si compra? Ad esempio qui: www.vagamondi.net

Dobbiamo osare sperare di poter fare delle scelte di giustizia!

 

 

 

 

 


Guatemala Nunca más

28 novembre 2008

Post un pò lungo, ma a proposito della cena di beneficenza per il Guatemala che stiamo organizzando per domani sera, visto che anni fa ci sono stata e da quel viaggio è nata l’idea della mia tesi, in cui si parla delle violazioni dei diritti umani in questo paese durante i 36 anni di repressione, sono andata a recuperarla e ve ne riporto un pezzetto..

“Con lo scoppio del conflitto armato nel 1962 per il Guatemala iniziò una fase particolarmente tragica e devastante della sua storia, una fase di sofferenza e di perdite enormi in termini di vite umane, ma anche perdite materiali, istituzionali e morali. Per 36 anni il paese visse un periodo segnato dalla repressione politica, sociale e militare, devastato dai sequestri, dalle sparizioni, dalle torture, dalla violenza come sistema di governo, dallo sterminio della popolazione civile ad opera di un esercito addestrato negli Stati Uniti alle più sofisticate tecniche di repressione.
Poi la crescente pressione internazionale portò, nel 1990, alla firma del Primo Accordo che stabiliva le basi per i negoziati di pace tra il governo e l’URNG (Unione Rivoluzionaria Nazionale Guatemalteca). Il conflitto interno lasciava dietro di sé oltre cinquantamila vittime, di cui il 90% civili non combattenti uccisi dall’Esercito ufficiale al fine di eliminare ogni traccia di opposizione organizzata e ridurre al silenzio soprattutto le comunità indigene, che costituiscono i due terzi della popolazione guatemalteca, e sono costretti a vivere in una situazione di costante emarginazione, spoliazione di beni materiali, terra e cultura, e di oppressione da parte del sistema politico ed economico.
Nel lungo periodo di negoziati tra le parti, il tema del chiarimento storico risultò essere uno dei più problematici e discussi.
Uno degli accordi principali in questa direzione venne firmato ad Oslo il 23 giugno 1994. I negoziatori gli diedero un nome lunghissimo: Acuerdo sobre el Establecimiento de la Comisión para el Esclarecimiento Histórico de las Violaciones los Derechos Humanos y los Hechos de Violencia que han causado Sufrimiento a la Población Guatemalteca (Accordo sulla costituzione della Commissione per il chiarimento storico delle violazioni dei diritti umani e dei fatti di violenza che hanno causato sofferenza alla popolazione guatemalteca).
Nello spirito di tale accordo era contemplato il chiarimento della verità su quanto era accaduto in Guatemala durante gli anni della guerriglia, e la misura e l’intensità della responsabilità delle diverse parti del conflitto. Venne quindi creata la CEH (Comisión para el Esclarecimiento Histórico) che avrebbe avuto il compito non di giudicare, ma di gettar luce in modo il più possibile obiettivo ed imparziale sulle violazioni dei diritti umani commesse in Guatemala durante i tre decenni del conflitto armato.
Questo passo fu considerato un’opportunità per la popolazione di conoscere la realtà della propria storia, ma tuttavia in quel momento venne vissuto come un impegno molto arduo e di difficile realizzazione per diversi motivi, tra i quali la poca disponibilità di tempo concessa alla commissione (sei mesi), e le condizioni di divisione e distruzione della società, all’interno della quale erano ancora presenti troppi abissi politici, ideologici, linguistici, culturali, che convivevano con un profondo sentimento di paura e terrore, che costringeva le comunità a continuare a vivere nel silenzio. Inoltre l’Accordo aveva fissato dei limiti non indifferenti: non sarebbero state indicate responsabilità individuali, e il rapporto non avrebbe avuto effetti giudiziari.
I presupposti non erano quindi i migliori per alimentare le speranze che la Commissione sarebbe riuscita a smuovere il muro d’impunità e a fare chiarezza su quanto era accaduto durante i 36 anni del conflitto armato, costringendo i colpevoli ad ammettere le proprie responsabilità.
All’interno dell’Ufficio per i Diritti Umani di Città del Guatemala (ODHAG) quindi, alcuni dirigenti cominciarono a pensare che fosse necessario dare un contributo al lavoro della Commissione mettendo a disposizione i propri archivi e preparando degli studi sulla violenza politica.
Il coordinatore dell’Ufficio, il vescovo Juan Gerardi Conedera, avanzò la proposta di anticipare addirittura il lavoro della Commissione, e nel giro di poco tempo presentò la bozza del progetto di un lavoro della Chiesa per documentare gli episodi della guerra che venne presentato alla CEG (Conferencia Episcopal de Guatemala). La conferenza dei vescovi accettò e nei mesi che seguirono iniziarono i preparativi per la realizzazione del progetto, che venne chiamato REMHI, Recuperación de la Memoria Histórica (Recupero della Memoria Storica).
Lo scopo di questo lavoro era quello di arrivare a conoscere in profondità la sofferenza delle comunità, creando così un rapporto di confidenza tra gli operatori della Chiesa e le singole persone colpite dalla violenza, contribuendo alla costruzione di una piattaforma per facilitare il lavoro di indagini della futura Commissione per la Verità. Il REMHI raggiunse risultati insperati nel processo di riconciliazione e di recupero della memoria, rivelandosi un prezioso strumento per la ricostruzione del tessuto sociale disintegrato dai lunghi anni di violenza.
Dalle testimonianze raccolte emerse non solo la sofferenza per la morte o la sparizione di una persona cara, ma soprattutto il dolore di non sapere in che modo essa fosse stata uccisa e che fine avesse fatto il suo corpo; dover accettare questa sofferenza senza potersi opporre aveva logorato gli animi e offeso la loro dignità di esseri umani. Recuperare la memoria dei propri morti significava quindi rappacificarsi con il passato, poter affrontare il presente senza tormento e poter guardare al futuro con speranza.
Parlare si rivelò quindi un modo per cominciare a risanare le ferite. Condividere il dolore era una forma di dare e ricevere solidarietà e comprensione, una possibilità di sfogo per le vittime, ma lo fu anche per alcuni persecutori, che manifestarono il desiderio di prendere parte alla raccolta di testimonianze per liberarsi dai rimorsi di coscienza, pentirsi, essere perdonati.
Il lavoro del progetto REMHI andò quindi molto oltre le aspettative, raccogliendo migliaia di testimonianze che non fu possibile inserire per intero nel Rapporto, ma che costituirono indubbiamente un fondamentale punto di partenza per il recupero della dignità delle vittime e allo stesso tempo un importante strumento per contribuire a portare a galla la verità su quello che avvenne in Guatemala durante gli anni di repressione e di violenza”.

La promesa es que el lenguaje ha reconocido,

ha dado cobijo,

a la experiencia que lo necesitaba,

que lo pedía a gritos.

 

John Berger  


Domani a Genova

6 giugno 2008

Segnalo un paio di eventi interessanti per sabato 7 giugno a Genova:

– Inaugurazione del Suq – ore 18, al Porto Antico
Festa in musica e danza con la partecipazione di Pino Petruzzelli, Roberta Alloisio e Orchestra Bailam. Fette di torta verranno distribuite al pubblico in cambio di un’offerta per
Emergency. In collaborazione con i ristoratori del Suq – Interviene Cecilia Strada (figlia di Gino Strada, cofondatore di Emergency).

– Marcia silenziosa organizzata da Amnesty International per la pace e la difesa dei diritti umani – partenza ore 18, da Piazza della Meridiana

Io non so ancora se e dove sarò, ma voi andate! 🙂