Nervoso

9 agosto 2008

nonna

Annunci

Attacca-a â l’erbu

8 agosto 2008

Attaccata all'albero

Quando ero piccola, capitava spesso che mi intestardissi su qualcosa. Che magari era una cosa da nulla. Che magari non aveva senso di essere. Ma io AVEVO DECISO che doveva farmi arrabbiare, e mi ci impuntavo, e non uscivo dalla spirale di capricci e rabbia che mi ero creata. E mi prendevano tutti in giro, come quella volta che in montagna mi ero arrabbiata così tanto che ero rimasta lì, appoggiata ad un albero e non volevo più venire via, per chissà quale motivo.
E un pò mi ci crogiolavo anche, in quel brodo di nervoso e malumore.
Da quel giorno, i miei famigliari hanno usato l’espressione “Sei di nuovo attacca-a â l’erbuper prendere in giro le mie arrabbiature.
Col tempo, però, credo di aver un pò imparato a smussare quegli spigoli del mio carattere. A ridere delle mie arrabbiature, e a farmele passare presto. A non impuntarmi più, avendo deciso che qualcosa deve necessariamente farmi arrabbiare, o soffrire.
E voglio farlo anche adesso, e smetterla di decidere per partito preso che una situazione mi deve dare fastidio o far star male per forza. Magari ancora prima che il fantomatico evento si verifichi..
E sorridere, anzi, ridere, ridere, ridere!


Ridere!