Bosnia 1997

Cimitero a Sarajevo

Nel 1997, a due anni dalla fine della guerra nei Balcani, feci il mio primo viaggio in quei paesi in cui le tracce dell’ondata di violenza che era appena passata lasciavano senza parole.
Mi colpirono molto, alcune immagini. Tombe di ragazzi giovanissimi, avevano magari la mia età, 19 anni..
Case bombardate, muri mitragliati, paesi interi abitati ormai solo da desolazione e silenzio…
E scrissi queste righe. Non ridete, so bene di non essere una poetessa. Ma sono sensazioni, immagini, odori ancora forti in me.

Che non voglio dimenticare.

Finestre,
come azzurri occhi trasparenti,
scandisono il silenzio
e battono all’impazzata
il ritmo della morte.
Oltre le pietre, il cielo
e non un respiro,
non un movimento
spezza il dolore immobile.
Non un incantesimo
ha arrestato lo scorrere del tempo,
ma l’odio antico
scagliato contro chi ora
riposa in una tomba diversa.
E tu, figlio della giustizia,
nascoste le membra sotto un terreno straniero,
racconti al mondo innocente
cosa portò i tuoi vent’anni
a conoscere l’odore della guerra
mentre lontano una madre si chiedeva
quale fosse il colore del tuo cielo.
Resti lì,
e non odi più gli spari,
solo sul ciglio di un asfalto
che ha visto correre assassini
– ha veduto e ha taciuto,
come tanti, come loro –
non c’è uomo che raccolga sassi
non c’è vita per chi è ormai altrove.
Sulla pietra, verso il cielo,
simboli dell’odio vano.
Sulla terra, come neve,
bianche croci senza nome
fermano il vento
perchè le bagni col suo pianto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...